Vetro Vs Policarbonato. Come ottenere l’ottimo della luce diurna nella serra

Materiali di copertura diversi forniscono prestazioni diverse e per fare la scelta giusta si deve comprendere l'impatto delle loro caratteristiche sull'equilibrio energetico della serra.

C’è una grande varietà di materiali disponibili quando si deve scegliere la copertura di una serra.

Materiali diversi forniscono prestazioni diverse e per fare la scelta giusta si deve comprendere l’impatto delle loro caratteristiche sull’equilibrio energetico della serra.

La maggior parte dei coltivatori desidera avere quanta più luce possibile nella serra. Tuttavia, questa è un’affermazione vaga, in quanto ci sono molti fattori che determinano la giusta quantità di luce necessaria per il progetto colturale.

Ottenere la massima luce nella serra resta l’obiettivo, in quanto l’utilizzo della luce diurna naturale riduce il costo di eventuali sorgenti luminose artificiali, ma ci sono altri fattori oltre alla semplice trasparenza che favoriscono la penetrazione della luce.

Molti fattori influenzano la quantità di luce che raggiunge le piante a livello delle foglie. Alcuni di questi fattori includono gli elementi strutturali della serra, gli ostacoli interni, l’angolo del sole e l’orientamento direzionale della serra, la posizione geografica e il periodo dell’anno. Per semplicità vediamo i più rilevanti:

  • l’angolo del sole rispetto alla superficie terrestre gioca un ruolo molto importante nelle letture del DLI della serra. Questo angolo varia durante il giorno e durante tutto l’anno mentre la terra ruota su se stessa e intorno al sole. Ad esempio, una serra in Campania (circa 40′ di latitudine nord) a luglio può ricevere una media di 40-45 mol·m -2 ·d -1 . La stessa identica serra a gennaio riceverà 10-15 mol·m-2·d-1. Con questo tipo di variazione è imperativo che nei mesi invernali si faccia ogni sforzo per ottenere la maggior quantità di luce PAR disponibile nella serra.
  • ci sono molte piante che hanno bisogno di 22 mol·m -2 ·d -1 per prosperare. Si potrebbe pensare che ciò possa essere ottenuto installando un bel vetro trasparente sulla serra. Anche se questo sembra logico, purtroppo non è così semplice. Se misurassimo la luce solo alle 12:00 di tutti i giorni, si potrebbe presumere che il vetro dovrebbe essere la copertura ottimale. Purtroppo (o fortunatamente per altre coperture) abbiamo bisogno di misurare la luce nel corso dell’intera giornata dall’alba al tramonto. Ciò pone delle sfide per tutti i materiali di rivestimento piani.

L’angolo di incidenza del sole sulla superficie della falda della serra gioca un ruolo molto importante della trasmissione complessiva della luce PAR nella serra. Quando il sole è nel punto più basso del cielo, all’alba e al tramonto, le falde delle serre riflettono più luce di quanta ne trasmettano. Quindi, mentre il vetro può trasmettere un 1% in più di luce quando il sole è alto nel cielo, rifletterà quantità crescenti di luce man mano che occupa posizioni sempre più basse nel cielo con una minore efficienza.

Le letture indicano chiaramente che, mentre all’angolo di impatto a 90°, il vetro e i pannelli in policarbonato mostrano una trasmissione luminosa simile; a bassi angoli di incidenza il policarbonato ondulato da 0,8 mm trasmette quasi il 50% in più di luce. 

Il policarbonato ondulato rifrange la luce a bassi angoli di incidenza, riduce la riflessione e facilita una maggiore penetrazione della luce nella serra rispetto a qualsiasi altro materiale, dunque è in grado di mantenere la stessa elevata trasmissione della luce, inoltre aggiungendo elementi diffondenti e creando superfici di diffusione della luce il risultato è una luce uniformemente distribuita su tutta la chioma della pianta, per creare un ambiente di crescita ideale con ridotto rischio di ‘bruciatura’ della pianta a causa di fasci di luce troppo intensi.

Immagine di mastermas
mastermas

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi la nostra newsletter mensile sulla tua email.

Calcola il DLI (Daily light integral) della serra che hai in mente. Partendo dall’area geografica italiana interessata e conoscendo i fattori limitanti, in termini di riduzione della radiazione luminosa determinata dalla struttura e dal materiale scelto come copertura, puoi calcolare il DLI del tuo progetto.

Energy green house photovoltaic rooftop solar
Naturae Plena

La tua privacy è importante.
Questo sito utilizza i cookie per offrirti la migliore esperienza e migliorare la pertinenza delle nostre comunicazioni con te. Le tue preferenze saranno rispettate, useremo solo i dati per i quali darai il tuo consenso. Ecco i cookies per cui stai fornendo il consenso: Cookie Necessari, Tecnici di Sessione; Profilazione e Marketing. Informativa sulla Privacy